Le strutture sociali dell'economia

Autore: 
Traduzione di: 
Rita Tomadin
Sociologia ed economia costituiscono un’unica disciplina, che ha come oggetto l’analisi dei fatti sociali, dei quali le transazioni economiche rappresentano solo un aspetto.

Il discorso economico classico è basato su certi postulati presentati come naturali ed evidenti: l’offerta e la domanda poste in maniera indipendente, l’individuo razionale conscio del proprio interesse e capace di compiere la scelta che meglio vi corrisponde, il regno indipendente e sovrano dei prezzi e dei costi… Invece, basta analizzare da vicino una transazione, come fa qui Pierre Bourdieu per la vendita e l’acquisto immobiliari nel dipartimento francese del Val-d’Oise, per accorgersi che quei postulati astratti non rendono conto della realtà.
Il mercato è costruito dallo Stato, che può per esempio decidere di favorire l’accesso alla villetta unifamiliare oppure ai complessi residenziali; quanto alle persone coinvolte nella transazione, esse sono immerse in costruzioni simboliche che fanno, nel senso forte della parola, il valore delle case, dei quartieri o delle città.
L’illusione dei postulati economici classici viene del resto oggi criticata da vari economisti, ma occorre spingersi oltre: l’offerta, la domanda, il mercato, e persino il compratore e il venditore, sono tutti prodotti di una costruzione sociale, di modo che non è possibile descrivere adeguatamente i processi detti “economici” senza fare ricorso alla sociologia.
Invece di opporle, come avviene tradizionalmente, è il momento di rendersi conto che sociologia ed economia costituiscono in realtà un’unica e identica disciplina, che ha come oggetto l’analisi dei fatti sociali, dei quali le transazioni economiche rappresentano dopotutto solo un aspetto.

 

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 80 PAGINE

Disponibile anche in altri store