Leggi le prime pagine: 

MANIFESTO PER UNA EDUCAZIONE LINGUISTICA DEMOCRATICA

Educare alla parola per coltivare umanità e costruire cultura

Volume della collana http://www.volantiniasterios.it/ n. 33
Prezzo: €0,00 / Prezzo di listino: €0,00
SCARICA E LEGGI A COSTO ZERO
Formato: PDF 150x210, 28 pagine / Giugno, 2020 / ISBN: 9788893135320
A cura di: 
MEC Movimento di Cooperazione Educativa

QUESTO MANIFESTO

Ci auguriamo che questo Manifesto aiuti tanti/e insegnanti, che già operano o intendono operare secondo i criteri che proponiamo, a riconoscersi parte di un grande gruppo in cammino per una scuola migliore, inclusiva, democratica e per una società meno ingiusta. Crediamo sia legittimo, da parte di ogni insegnante, rivendicare il diritto a costruire proposte pedagogico-didattiche in base a scelte legate a convinzioni maturate sul piano professionale, sociale e politico.

Non possiamo non riconoscere, a questo proposito, il ruolo fondamentale giocato dal contesto territoriale in cui la scuola si colloca, che può frapporre ostacoli o offrire opportunità all’esercizio del diritto alla parola e all’educazione alla parola. Sappiamo quanta importanza rivestono la presenza o l’assenza di offerte culturali, di spazi pubblici pensati per l’incontro, di biblioteche, di sostegni alle attività delle scuole e di tutti i luoghi dell'educazione linguistica, il considerare o meno l’educazione alla parola come fondamentale di per sé, al di là di obiettivi legati a traguardi istituzionali o a parametri giuridici.

Non possiamo non riconoscere, infine, quanto sia importante, per i/le docenti, un contesto lavorativo in cui l’insegnante non si senta isolato/a nella propria funzione, oberato/a dalla necessità di affrontare sempre nuove problematiche e incombenze burocratiche, in difficoltà nel costruire con i colleghi/colleghe situazioni di condivisione, confronto, ricerca.

Difficoltà ulteriori possono essere rappresentate dalla difficoltà di proporre pratiche didattiche diverseda quelle ‘trasmissive’ ancora diffuse (anche se non certo in linea con i contenuti della legislazione scolastica, delle Indicazioni Nazionali in primis) o di essere fatti oggetto di richieste arbitrarie. Crediamo che in questo caso, a fronte di richieste o disposizioni non rispettose dei diritti dei bambini/e – il diritto all’espressione, ad essere consultati/e, a non essere discriminati/e, a partecipare, – sia legittimo rispondere con azioni di disobbedienza civile.

Movimento di Cooperazione Educativa

Dicembre 2019

Per aderire:sito MCE www.mce-fimem.it  Per informazioni e proposte: vretynerina@yahoo.it

Libri correlati: 
NARRARE LA SCUOLA.
Dire Fare Inventare
STRUMENTI PER I GIARDINI DEL CIELO
CUENTACUENTOS. Racconti tascabili