La dura prova della Resistenza

Traduzione di: 
Piero Budinich
Grecia, eurozona e crisi globale

La versione inglese di La dura prova della Resistenza è stata portata a termine nella primavera del 2013.
Da allora, le sue valutazioni circa il corso degli eventi, purtroppo per il popolo greco, sono state confermate persino nei dettagli. Nonostante quanto molti dell’establishment, greco e internazionale, continuino a sostenere, la situazione in Grecia ha portato ad un vero e proprio disastro sociale ed economico.
Scrivevamo, quattro anni fa, cercando di chiarire quello che ci accadeva: «Agli inizi del 2010, in quei giorni agitati in Grecia che precedettero il memorandum, la sinistra sollevava, tra le altre, le questioni seguenti. In primo luogo: la politica allora preannunciata non concerneva  la maniera di affrontare il debito pubblico, ma la liquidazione della classe operaia, con l'imposizione di misure che la borghesia greca perseguiva da decenni. In secondo luogo: il fallimento sarebbe sopravvenuto proprio in ragione dell’applicazione delle misure, che avrebbero portato l'economia greca, con esattezza matematica, in un vortice recessivo mortale. In terzo luogo: il governo aveva consapevolmente coinvolto il popolo greco in un'avventura distruttiva offrendo con grande solerzia al capitale europeo la possibilità di avere una cavia ideale, che apriva dovunque in Europa la strada all'imposizione delle politiche di classe più selvagge che un intero secolo abbia mai conosciuto. In quarto luogo: la grecizzazione dei problemi, nel  momento in cui chiaramente ci troviamo all'interno di una crisi mondiale del capitalismo che si rivelerà – è molto probabile – di importanza storica per il cammino dell'umanità, li rendeva assolutamente irrisolvibili» .
Il corso degli eventi ha dimostrato che la sinistra aveva ragione nelle sue valutazioni iniziali. E diceva ancora poco, potremmo aggiungere oggi.
La crisi, dunque, è divenuta un'opportunità per la classe dominante greca. Sfruttandola – e sfruttandola con la “costrizione” da parte della troika –, essa ha visto in tempi rapidissimi i suoi sogni più nascosti, come pure quelli più espliciti, avverarsi. Il reddito e la ricchezza si sono ridistribuiti a ritmi inconcepibili a suo favore. I diritti dei lavoratori sono scomparsi dalla carta. La festa di classe delle esenzioni fiscali e dell’evasione delle tasse è proseguita e si è potenziata. I margini di profitto sono saliti a un livello senza precedenti, con grandezze europee e mondiali. La speculazione ha acquisito caratteristiche storiche mai viste.
L'obiettivo di creare l’operaio cinese bianco – il vero obiettivo della politica che veniva applicata – è stato raggiunto in maniera rapida.

La Grecia è sempre, nella crisi, un banco di prova per sperimentare fino a quale segno gli ordoliberisti europei possono tirare la corda dell'austerità (e delle "riforme" che ne rispecchiano la linea) come mezzo per riversare il costo della crisi capitalistica sulle spalle dei popoli.

 

 

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 70 PAGINE.

 

 

Disponibile anche in altri store