MARGINI DEL 1968

Leggi le prime pagine: 
Profeti e servizi segreti

Con un saggio di Pier Luigi D'Eredità

Vi sono marginalità ideologiche e marginalità geografiche nel 1968. Riportarle al centro dell’attenzione permette di rendere più complessa ma al contempo più ricca la visione d’insieme. Oltre alla contestazione di sinistra, era attiva anche quella dei cattolici, mentre si faceva sempre più evidente la presenza della destra e delle agenzie di intelligence. Il 1968 in una regione marginale non arrivò al prestigio delle pagine dei quotidiani nazionali. Quasi nessuno dei suoi leader diventerà noto, alcuni, come nel resto d'Italia, imboccheranno la strada tragica e perdente del terrorismo. Ciò non toglie che importanti e molteplici fermenti di discussione politica, come le battaglie culturale per l’università e per l'autonomismo o come le precoci proteste del mondo ecclesiastico, o ancora e soprattutto come lo sviluppo di una coscienza civile moderna e libera con l’inizio della battaglia per il divorzio di Fortuna e la sperimentazione antipsichiatrica di Basaglia e Cotti, anticiparono e sostanziarono in Friuli il ciclone buono del 1968.

 

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 60 PAGINE.

Disponibile anche in altri store