La decrescita. 10 domande per capire e dibattere

Traduzione di: 
Marilì Cammarata
Prefazione di Serge Latouche

La decrescita in 10 domande!

La decrescita rappresenta un movimento intellettuale e militante che ritiene che la crisi climatica e i vicoli ciechi del modello capitalista possono essere superati esclusivamente con l’abbandono del modello di sviluppo produttivista e dei suoi fondamenti: il culto feticista della crescita e la fede cieca nei benefici del progresso tecnologico e scientifico.

‘’Illusioni’’, ‘’un’utopia pericolosa’’, ‘’un progetto reazionario’’, se ne son sentite di tutti i colori a proposito della decrescita, che spesso suscita divertita condiscendenza o diffidenza istintiva da parte del mondo politico tradizionale o degli intellettuali.
È questo che rende prezioso questo libro senza equivalenti, che fa piazza pulita dei fraintendimenti e pregiudizi più diffusi sulla decrescita, proponendosi di far nascere un dibattito serio e argomentato a proposito.

1. Che significa ‘’decrescita’’?
2. La decrescita: un’idea nuova?
3. Perché non uno ‘’sviluppo sostenibile’’?
4. La decrescita è la fine del progresso scientifico e tecnologico?
5. La decrescita è maltusiana?
6. Decrescita: privazioni o gioia di vivere?
7. Decrescita significa recessione e disoccupazione?
8. Può la decrescita riguardare i paesi del sud del mondo?
9. La decrescita non implica forse una visione impositiva e autoritaria della politica?
10. Che significherebbe concretamente una politica di decrescita?
 

LEGGI LE PRIME 50 PAGINE