La fabbrica

Romanzo.

Una rara ed efficace immagine della contemporaneità.

Una fabbrica enorme, quasi infinita, come mai s’era veduta. Migliaia di operai, impiegati, dirigenti; corridoi labirintici attraversati da altrettanti corridoi, quasi in un circolo senza fine; centinaia di uffici che si dispiegano ovunque. E per accedere alla fabbrica un intrico illimitato di stradine che salgono e scendono in un paesaggio quasi desertico.
Ma che cosa vi si produce? Qual è lo scopo di tale dispiegamento di mezzi? Il protagonista, dopo svariate vicende, arriva inconsapevolmente ad una risposta. Ma è una risposta che gli costerà la vita.
Emerge nel romanzo di Emiliano Bazzanella un senso di spaesamento e stordimento. Così come quell’immensa fabbrica, tutto si avvita circolarmente in una sorta di danza ipnotica: la storia, le alterne vicende dei personaggi, la stessa scrittura.
Il vuoto, lo slittamento, la ripetizione, la ridondanza pervadono alla fine quasi ogni passo di quest’opera; instillano lo sconcerto di una “sensazione”, piuttosto che la consapevolezza di un pensiero o di un ragionamento ben definito. Ma soprattutto ci offrono una rara ed efficace immagine della contemporaneità.

 

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 30 PAGINE.

Disponibile anche in altri store