LA RIVOLTA DEI FIOCCHI DI NEVE

Del fallimento della sinistra e i nuovi movimenti radicali del nostro presente/futuro

Volume della collana volantiniasterios n. 10
Prezzo: €3,90 / Prezzo di listino: €3,90
Formato: 150x210, 48 pagine / Febbraio, 2020 / ISBN: 9788893131674
Autore: 

Un nuovo radicalismo della Sinistra deve passare attraverso la costituzione di un nuovo soggetto e una visione del mondo “parastematica”, dove anche il minimo evento viene messo in relazione agli altri, nell’ambito di una considerazione globale e immersiva. Tuttavia se quest’ultima esigenza viene semplicemente interpretata in senso etico o normativo, non avrebbe alcuna rilevanza. È indispensabile invece una nuova forma di soggettivazione che passi da una visione individualistica e narcisistica del mondo, ad una visione che tenga conto dell’inimmunizzabile come ciò che ci lega agli altri e ci accomuna allo stesso essere-nel-mondo.

 

La natura della sinistra è probabilmente fallimentare. Lenin, Mao e altri pensatori contemporanei come Alan Badiou e in parte Slavoj Žižek sono ad esempio convinti che il comunismo, come idea utopica irrealizzabile ma pur sempre da pensare, sia destinata nella sua natura alla sconfitta. Questo tuttavia non giustifica l’attuale tramonto delle sinistre mondiali: non si tratta soltanto di un presunto elitarismo culturale, più o meno infondato, né dell’incapacità di incantare le masse così come poteva avvenire in Europa ancora un cinquantennio fa. La questione è morfologica: di fatto le sinistre si manifestano strutturalmente simili al capitalismo in quanto basate su false promesse e fallimenti, con la differenza che il capitalismo riesce comunque a creare dei sur-plus e delle sempre nuove forme di accumulazione, dall’oro e dal denaro cartaceo alle attuali criptovalute e banche-dati digitali. Il capitalismo in altre parole gestisce il fallimento mutando continuamente pelle e inacarnando paradossalmente l’effettiva natura della rivoluzione. Alcune urgenze tuttavia sembrano far pensare a un sovvertimento radicale di queste tendenze: l’emergenza demografica e quella climatica innanzitutto. Si stanno creando gli spazi necessari, non soltanto dal punto di vista ideologico e utopistico, per nuove forme di comunitarismo in cui il soggetto non venga più compresso dalla collettività, ma divenga l’agente primo della propria esistenza e co-esistenza. Se il capitalismo si è tradotto in un apparente privilegio del singolo alimentando le sue pretese narcisistiche, è a partire dal singolo – sotto le impellenze esterne del reale – che potrà sorgere qualche istanza innovativa e una qualche speranza.

VISITANDO IL SITO  http://www.volantiniasterios.it/   POTETE ACQUISTARE I VOLANTINI IN FORMATO PDF a 3,00 €

Libri correlati: 
LA FINE DEL CAPITALISMO
Brevi scritti sulla fine dell'uomo
Castoriadis. Fine della filosofia?
L'uomo e la (sua) fine
UNA NUOVA CRISI GENERALE