Un mondo senza storia?

La falsa utopia della società della poststoria

Nella cultura dominante si è affermata, negli ultimi decenni, la certezza che la Storia sia da osservare come una dimensione introdotta  dall’esterno in un Occidente che si pone ormai nella poststoria. La Storia è stata una lunga catena di sofferenze e di stermini. Essa è stata; ma non è più, perché ciò che è percepito come Storia, dal terrorismo agli sbarchi di immigrati, è una fastidiosa interruzione del godimento del mondo.
La vita è pensata come un percorso depoliticizzato e destoricizzato; è il trionfo neoliberale del presentismo: non è necessario interrogarsi sul Passato, perché il Passato non esiste. Siamo in presenza dell’affermarsi definitivo del nichilismo, oppure siamo oltre lo stesso nichilismo?
A scuola la storia non si studia, a causa dell’avvenuta deculturalizzazione dei docenti.
A sua volta, la politica, inabissatasi, non interroga più gli storici.
Ma questi riflettono sulla loro funzione, in quanto custodi della presenza del Passato nel Presente? Ed è possibile per essi condividere la scelta di campo neoliberista?
Una riflessione fra pedagogia, antropologia, sociologia e storiografia.

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 50 PAGINE!

Disponibile anche in altri store