Leggi le prime pagine: 

DEL FALLIMENTO

Simbolo e violenza II

Volume della collana PICCOLA BIBLIOTHIKI n. 63
Prezzo: €25,00 / Prezzo di listino: €25,00
Formato: 120x210, 256 pagine / Luglio, 2019 / ISBN: 9788893131346

Un gioco che non si può affatto vincere ma soltanto perdere?

Il fallimento costituisce il grande rimosso della cultura occidentale. Questa rimozione nella storia ha assunto varie forme: dal peccato originale del cristianesimo o dalla “macchia”(“stigma”) legata religiosamente alla classe sociale di appartenenza e al censo, per arrivare in tempi più recenti alle antropologie filosofiche, agli esistenzialismi, ai vari debolismi post-moderni, sia etici che teorici, finendo con la riflessione post-comunista ispirata alla sconfitta sistematica e strategica di un’idea o un’utopia. In qualche modo pare non si siano fatti i conti con un fallere molto più pervasivo di quello che si creda, cioè con un deficit o mancanza costitutive che non possono essere trasfigurate semplicisticamente in agente positivo della civilizzazione e della storia.

In altri termini l’uomo sarebbe quell’animale che, già da sempre decaduto e deficitario, compenserebbe la propria condizione fallimentare con un’ipertrofia ad un tempo tecnica e simbolica. E il fallimento non rappresenterebbe che il propulsore fondamentale di vittorie e successi, rimanendo quindi inviluppato negli intrighi di un dispositivo etico e culturale secondo il quale ci possono essere effettivamente dei vinti e perdenti, ed esiste qualcosa che possiamo definire “vittoria”.

Il contesto agonistico della contemporaneità sembra confermare questo sospetto a partire dalla ridondanza lessicale di termini come competizione, performance, risultato, classifica, graduatoria, meritocrazia, successo, etc.. Ma che cosa significa davvero vincere? E andando oltre al significato della parola “vittoria”, il significato in sé, in quanto costruzione di un senso, implica davvero anch’esso, quasi circolarmente, una vittoria, originaria o teleologica che essa sia? Oppure il fallere è proprio un “modo”, qualcosa di molto più realistico e immanente alla nostra esistenza, al di là delle suggestioni heideggeriane e post-heideggeriane?

La posta in gioco è molto alta: l’attuale condizione dell’umanità, sia per la crisi eco-climatologica che stiamo vivendo, sia per l’eccesso demografico (e potremmo dire per un eccedere che pare costituire l’altro risvolto di ogni ideologia della vittoria, nonché una vera e propria matrice genetica dell’homo sapiens) ci pongono innanzi a quello che solo in apparenza si configura come un paradosso, cioè all’eventualità di giocare un gioco che non si può affatto vincere ma soltanto perdere.

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 80 PAGINE.

SENZA SPESE DI SPEDIZIONE E UN VOLUME DI BAZZANELLA IN OMAGGIO.