L'era dell'e

Leggi le prime pagine: 
Autore: 
Traduzione di: 
Daniela Roso
Con un saggio di Vasilij Kandiskij

Il 1989 è stato l’anno dell’e.  La danza sul muro di Berlino è il simbolo della rivoluzione pacifica dell’e, scoppiata dal nulla e ancora oggi rimasta inspiegata e inspiegabile. Rierigere, rievocare e rinazionalizzare oggi confini già caduti altro non è che una reazione: la reazione a una semantica dell’e assolutamente insopportabile. Sono in molti a essere spaventati dalla globalità, dalla vaghezza e dall’indeterminatezza dell’e. L’estraniamento dell’estraneo e l’espropriazione del proprio, involontarie conseguenze dell’e, vengono percepiti come una minaccia. In molti affermano di non poter vivere senza il dualismo aut-aut e aggiungono di non riuscire nemmeno a immaginarsela, la dimensione dell’e. L’e  non segna dunque la creazione di un paradiso sulla terra, diventa invece probabile foriero di nuove, impensabili sciagure. Ma il mondo dell’aut-aut  nel quale pensiamo, agiamo e viviamo sta diventando fittizio. In un modo o nell’altro prendono vita discussioni ed esperimenti in una dimensione che va oltre l’aut -aut  o, per usare le parole di questo libro, si inizia a reinventare la politica.

 

PRIMA DI ACQUISTARE LEGGI LE PRIME 80 PAGINE.

Disponibile anche in altri store